Orinamento: Data | Titolo

4 maggio 2022

Gagliano Giuseppe la guerra economica costa cara

Limes Maggio 2022 https://www.limesonline.com/cartaceo/la-guerra-economica-costa-cara-ma-rende

 

10 marzo 2022

Ucraina e Russia.Le origini dell’attuale conflitto

Yves Bonnet, ex- direttore della DST (1982-1985) -Éric Denécé, direttore del Centre Français de Recherche sur le Renseignement (CF2R), Articolo tratto da https://fildmedia.com/article/ukraine-comment-en-sommes-nous-arrives-la https://intelligencegeopolitica.it/ucraina-e-russia-le-origini-dellattuale-conflitto/

 

25 dicembre 2021

La politica estera americana, l’Ucraina e John Wayne

Sconsigliamo in primo luogo vivamente la lettura di questo articolo ai lettori filoamericani e filo atlantici che abbondano nel nostro paese a sovranità limitata ( o nulla). In seconda battuta-non senza una certa provocatorietà-non possiamo fare a meno di osservare come il tanto sbandierato multilateralismo del presidente Biden e del segretario di Stato Blinken si sia rivelato-come era d’altra parte prevedibile-un bluff di carattere diplomatico: il multilateralismo inteso dagli Stati Uniti significa stringere alleanze sempre più strette di carattere economico e militare con i propri alleati per perseguire meglio gli obiettivi egemonici americani a livello globale.Ma certo non significa contrattare -su un piano di parità in ambito politico e diplomatico -con la Cina e con la Russia.Questo pseudo- multilateralismo sta gettando le premesse per un conflitto per la questione ucraina tra Russia e USA. Conflitto questo che coinvolgerebbe direttamente l’Europa e che avrebbe conseguenze incalcolabili, imprevedibili ma certamente gravissime ed insieme drammatiche. Un conflitto questo che deve essere assolutamente scongiurato.A tutti i costi . Al di là della irrilevanza-consueta quanto prevedibile-sia dell’Unione Europea che dell’ONU ciò che Putin ha sostanzialmente chiesto agli Stati Uniti e alla Nato è di fermare l’allargamento dell’Alleanza ai paesi dell’est e soprattutto di smettere di continuare ad armare l’Ucraina in funzione antirussa.Si tratta di rispettare la sovranità territoriale della Russia.Ma si tratta anche di abbandonare la consueta politica unilaterale americana secondo la quale sarebbero Stati Uniti-come nei film western americani- gli unici sceriffi che possono legiferare sul mondo decidendo cosa è giusto e cosa non lo è. La politica estera americana è stata troppo spesso ispirata al modus operandi dei film interpretati dall’attore John Wayne. Non sei d’accordo con me? Ti sparo addosso! Ci domandiamo con quale credibilità gli Stati Uniti possono pretendere di affrontare un conflitto con la Russia dopo il fallimento sia in relazione alla situazione della Crimea sia in relazione all’Afghanistan. Ancora una volta le lezioni del passato non hanno insegnato nulla agli Stati Uniti. Per quanto riguarda l’Ucraina l’attuale presidente invece di continuare ad acquistare armi dagli Stati Uniti farebbe bene a cercare di risolvere la gravissima situazione nella quale versa il suo paese: la situazione economica infatti è catastrofica nonostante sia stato dato un prestito di 5 miliardi di dollari dal FMI nel 2000 a cui poi se ne è aggiunto un secondo 750 milioni di dollari per evitare che l’Ucraina vada in default .Inoltre il calo di popolarità del presidente americano potrebbe portarlo a fare scelte molto pericolose per non apparire debole agli occhi degli elettori e dei repubblicani .Se Putin dovesse spuntarla questo certamente equivarrebbe alla fine ingloriosa della politica neo conservatrice e delle sue nefaste conseguenze a livello di equilibrio internazionale.

 

28 ottobre 2021

Il Caso Julian Assage Secondo Le Monde Diplomatique

Nel marzo 2017, il signor Julian Assange ha completato il suo quinto anno di reclusione nell'ambasciata ecuadoriana a Londra. I leader della Central Intelligence Agency (CIA) sono determinati a catturarlo e pianificano di ucciderlo: WikiLeaks, che il signor Assange ha co-fondato, ha appena rivelato quali strumenti utilizza la CIA per spiare i dispositivi elettronici. I vertici dell'agenzia pensano innanzitutto al rapimento del colpevole. Ma violare l'integrità dell'ambasciata ecuadoriana per sequestrare un cittadino australiano fuggito a Londra sarebbe diplomaticamente delicato. Poi si convincono che il signor Assange sta per fuggire in Russia, con la complicità dell'Ecuador e del Cremlino. Elaborano quindi piani ancora più incredibili.Scontri armati con agenti del Cremlino per le strade di Londra, un tamponamento con un veicolo diplomatico russo che trasportava Assange per sequestrarlo, colpi di arma da fuoco alle ruote di un aereo russo. per impedire all'imbarcazione di decollare per Mosca. (...) Una delle ipotesi era che Assange avrebbe tentato di fuggire in un carrello della biancheria. Alla fine, l'opposizione della Casa Bianca a un'operazione legalmente viziata avrebbe avuto la meglio su questi piani. Tutti questi elementi, un lungo articolo pubblicato il 26 settembre da un team di giornalisti di Yahoo News li dettaglia grazie ad interviste a una trentina di funzionari delle agenzie di sicurezza americane .Michael Pompeo, allora direttore della CIA, non ha nascosto il suo gioco nell'aprile 2017: “WikiLeaks è un servizio di intelligence ostile agli Stati Uniti, spesso incoraggiato dalla Russia. (…) Non permetteremo più ai colleghi di Assange di usare la libertà di parola per schiacciarci con segreti rubati. Saremo un'agenzia molto più cattiva. E invia i nostri agenti più feroci nei luoghi più pericolosi per annientarli. " L'indagine di Yahoo News era destinata a provocare la copertura mediatica: editoriali indignati che invocavano il diritto all'informazione, la democrazia in pericolo, il crescente "illiberalismo".Tanto più che l'investigatore principale, Michael Isikoff, non era sospettato di antiamericanismo o simpatia per Mosca: nel marzo 2018 aveva pubblicato un libro intitolato "Ruolette russa: la storia segreta della guerra di Putin contro l'America". Ebbene, nonostante ciò, due settimane dopo le rivelazioni di Yahoo News, né il Wall Street Journal, né il Washington Post, né il New York Times gli hanno dedicato una riga .Non più Le Monde, Le Figaro, Liberation, Les Echos, Agence France-Presse. Certo, le informazioni sono state riportate online da Guardian, Courrier international, Le Point, Mediapart, CNews, ma spesso senza insistere. Basti dire che quasi nessuno se ne è accorto. L'agenzia Bloomberg lo ha spiegato in ventotto parole. Ricordiamo invece l'esplosione internazionale provocata dal tentato omicidio dell'avvocato Alexeï Navalny .Un altro coraggioso oppositore del potere, un altro informatore che lo Stato minaccia e perseguita. Ma è stato detenuto in una prigione russa piuttosto che in una prigione di Londra. Il diverso trattamento mediatico dei due eroi illustra abbastanza bene la flessibilità delle nozioni di "diritti umani" e "libertà di stampa" agitate in ogni circostanza dai media occidentali. Perché tutto accade come se la sua opposizione al presidente Vladimir Poutine avesse reso Navalny più "umano" di Assange, anche lui dissidente, ma del "mondo libero". Nel loro lavoro classico The Making of Consent Noam Chomsky ed Edward Herman stabilirono nel 1988 che "un sistema di propaganda" presenta "vittime di abusi in un paese nemico" in modo diverso da quelli "a cui il proprio governo o quello di un cliente lo stato infligge un identico destino”. Volevano come prova la stravagante sproporzione di trattamento tra due omicidi di sacerdoti commessi quasi contemporaneamente da agenti di polizia o da gruppi paramilitari: l'assassinio dell'arcivescovo salvadoregno Oscar Romero nel marzo 1980, quello del sacerdote polacco Jerzy Popieluszko nell'ottobre 1984 , entrambi noti per la loro opposizione al potere. Dopo uno studio completo dei principali titoli della stampa americana, Chomsky e Herman hanno concluso che "una vittima come Popieluszko è tra 137 e 179 volte quella di uno stato cliente degli Stati Uniti". All'epoca - ma probabilmente tutti lo hanno capito - la Polonia si trovava nell'orbita sovietica, cioè nell'"Impero del Male". Il divario è meno caricaturale in questo caso. Da quando si è rifugiato nell'ambasciata ecuadoriana il 19 giugno 2012, il signor Assange è stato citato in 225 articoli su Le Monde, secondo gli archivi del quotidiano. Nello stesso periodo, il sig. Navalny compare in 419 articoli. Ma, al di là dei numeri, ai due avversari viene applicata una griglia analitica separata. Così, tre dei cinque editoriali di Le Monde dedicati all'hacker australiano insistono sulla "traiettoria ambivalente di Julian Assange", titolo dell'editoriale del 15 aprile 2019 pubblicato due giorni dopo il suo arresto a Londra dai servizi britannici: "Prima citando la sorte degli “informatori” nella lotta ai segreti di Stato, vanno precisati due fatti evidenti. Primo, Julian Assange è un litigante come un altro. (…) In secondo luogo, Julian Assange non è un amico dei diritti umani. " E perchè no ? L'attivista antiamericano attacca i segreti dei paesi democratici, e raramente quelli dei paesi totalitari. In breve, dovrebbe prendere di mira più spesso l'undicesima potenza mondiale e risparmiare di più la prima. Troviamo questa idea in un editoriale pubblicato un anno dopo, il 26 febbraio 2020. Certo, "Julian Assange non deve essere estradato negli Stati Uniti", sostiene il quotidiano, ma "né si è comportato né difensore dei diritti umani né come un cittadino rispettoso della giustizia. (...) Veloce nell'affrontare i segreti dei paesi democratici, era meno avido nei confronti dei paesi autoritari”. Il Wall Street Journal, che da tempo rivendicava i suoi "doppi standard" filo-occidentali, aveva formulato una critica identica: "Mr. Assange non è mai stato un eroe della trasparenza o del senso di responsabilità democratica. I suoi obiettivi sembrano sempre essere istituzioni o stati democratici, mai i loro equivalenti autoritari ”(12 aprile 2019). Il sostegno dato al sig. Navalny, invece, è senza riserve. Nessuno dei cinque editoriali di Le Monde a lui dedicati (su tredici che portano il suo nome) insiste sulla sua "traiettoria ambivalente" o sul suo status di "giudicabile come gli altri". Tuttavia, il suo attivismo in un'organizzazione nazionalista, la sua partecipazione a manifestazioni xenofobe delle "marce russe", i suoi commenti razzisti nei confronti dei migranti caucasici e dell'Asia centrale gli hanno fatto perdere lo status di "prigioniero di coscienza" attribuito da Amnesty International. Non appena si parla dell'"avvocato-blogger, uccisore della corruzione di Stato, (...) in procinto di diventare l'avversario numero uno di Vladimir Putin", la severità riservata ad Assange si dissolve. Tanto che il signor Navalny brilla sull'ultima pagina del Mondo come un moderno maestro dei social network (16 giugno 2017). E anche da collega: «Il giornalismo investigativo da lui guidato denuncia il mondo della corruzione con formidabile efficacia, attraverso video molto visti online» (22 ago 2020). E lo stesso quotidiano ha dedicato all'avversario russo parte della sua "prima pagina", un editoriale, un articolo di lode, il tutto accompagnato da una rubrica del signor Navalny che uccide il leader del Cremlino, "leader morale dei corrotti". Il giornale esorterà i governi europei a "bandire ogni compiacimento nei confronti di Putin" (15 gennaio 2021). Diagramma identico nella cronaca "Geopolitics" di France Inter. Riferendosi al signor Assange, Pierre Haski denuncia le accuse americane contro di lui e si schiera contro la sua estradizione. Ma Haski ricorda agli ascoltatori il "lato oscuro, sia personale che politico", di un "personaggio diventato sulfureo". Le otto colonne che dedica a Navalny tra il 1 gennaio 2018 e il 21 ottobre 2021 (rispetto alle due a Assange) non mostrano tali riserve. Evidenziano il coraggio e la combattività dell'avversario russo, due qualità indiscutibili, ma una delle quali non sembra mancare nemmeno al fondatore di WikiLeaks. "Il dramma di Julian Assange", ha riassunto il giornalista Jack Dion nel 2019, "è il fatto di essere australiano e non russo. Se fosse stato perseguito dal Cremlino, (...) i governi si contenderebbero l'onore di concedergli asilo. Il suo volto sarebbe apparso sulla facciata del municipio di Parigi e Anne Hidalgo avrebbe messo la Torre Eiffel a mezz'asta fino al giorno della sua liberazione " I giornalisti occidentali avevano adorato l'hacker australiano, nominato "Personalità dell'anno" 2010 dalla rivista Time, che ha fornito loro molti scoop in un clima geopolitico più calmo. Lo stanno uccidendo da quando WikiLeaks ha pubblicato e-mail dal Partito Democratico nel 2016 che la CIA attribuisce all'hacking russo. "Quando parla Assange, parla Putin? ", Ad esempio, titolava il 2 settembre 2016, l'edizione internazionale del New York Times. Poiché l'amministrazione del signor Joseph Biden non ha rinunciato alla sua richiesta di estradizione per spionaggio, il signor Assange rimane in prigione. Supponendo che la richiesta degli Stati Uniti venga negata, conosciamo già alcuni dei piani di assassinio ipotizzati dalla CIA. Il mese scorso, un coraggioso giornalista russo ha ricevuto il Premio Nobel per la pace per aver difeso la minacciata libertà di espressione. L'anno prossimo, toccherà ad Assange?

 

28 ottobre 2021

Aspetti della egemonia americana secondo la Scuola di Guerra economica francese

Nel gennaio 1918, il presidente degli Stati Uniti Woodrow Wilson annunciò al Congresso un programma in 14 punti, presentato come base per i negoziati americani per la pace futura.Visti dal punto di vista della formazione del mondo, tre punti sono particolarmente importanti per l'atteggiamento americano. In primo luogo, la nozione di "autodeterminazione dei popoli", quindi di diritto di una nazione all'autodeterminazione. Possiamo facilmente identificare le radici di questa proposta che risalgono alla dichiarazione di indipendenza americana del 1776. Si noti che uno dei principali "slogan" della mobilitazione americana era Make the World Safe for Democracy - una frase tratta dal discorso di Woodrow Wilson con la quale chiese al congresso, il 2 aprile 1917, di entrare in guerra..Secondo punto, la libera circolazione in mare, indispensabile per i noli marittimi, e la riduzione dei limiti commerciali, in particolare doganali. Il terzo elemento era l'istituzionalizzazione del multilateralismo attraverso la creazione di un forum "aperto" in cui le differenze tra i paesi potessero essere risolte attraverso una negoziazione aperta e pubblica, almeno in teoria. Era la Società delle Nazioni (Lega delle Nazioni). Alla fine, la delegazione americana non riuscì a imporre completamente queste nozioni durante i negoziati del 1918-1919. Gli Stati Uniti poi rifiutarono la ratifica del Trattato di Versailles e rimasero lontani dalla Società delle Nazioni. L'approccio americano evidenzia che il governo era determinato a lavorare per modellare gli stati nel mondo sul proprio modello, vale a dire uno stato nazionale democratico, nonché per istituzionalizzare il multilateralismo. I due erano anche concettualmente legati tra loro se partiamo dall'idea che uno stato “aperto” (democratico) sarebbe più facilmente integrato in tale multilateralismo istituzionale rispetto a stati “chiusi” (non democratici). Il multilateralismo “coercitivo” dell'ONU La Carta Atlantica, istituita dai governi americano e britannico nel 1941, pone le basi per l'ordine mondiale auspicato dagli Stati Uniti nel secondo dopoguerra. Lo stesso anno, molti alleati si unirono, inclusa la Francia Libera. Le fasi successive - la Carta delle Nazioni Unite (San Francisco, 1942), i negoziati di Yalta e Potsdam (1945) - riprendono questi principi, che sono altrimenti quasi identici sotto diversi aspetti ai punti di Wilson. Il cambiamento principale è il passaggio dal multilateralismo cooperativo della Società delle Nazioni al multilateralismo “coercitivo” (che in seguito porterà al “solidarismo internazionale coercitivo” ).Di fronte alla necessità di fare i conti con alleati con relazioni difficili (Regno Unito, Francia) e complicate (URSS), il governo americano cerca un equilibrio tra una struttura multilaterale gestibile a proprio vantaggio e sufficientemente "bloccata" in modo che non può essere usato contro gli Stati Uniti dalle altre grandi potenze come le circostanze lo richiedono. Dopo aver portato con successo gli europei occidentali in una struttura prevalentemente americana attraverso alcuni principi di governance economica mondiale stabiliti a Bretton Woods (1944), Washington riuscì a stabilire l'ONU con un consiglio permanente. Ai suoi cinque membri (i "P5") è concesso il veto, garantendo così che non sia possibile alcuna coercizione contro di loro. NATO: difesa europea controllata dagli Stati Uniti Alla fine della seconda guerra mondiale e di fronte alla minaccia sovietica, la Francia tentò di organizzare la sicurezza dell'Europa con la Gran Bretagna (Trattato di Dunkerque, 1947) poi il Benelux (Trattato di Bruxelles, 1948), ma la minaccia migra rapidamente da sconfitta Germania all'URSS ("Colpo di Stato comunista a Praga", blocco di Berlino). I paesi europei fanno quindi appello al potere degli Stati Uniti per proteggerli attraverso un'organizzazione sotto il comando americano: la NATO (Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico, 1949 ).La NATO è un'organizzazione difensiva che garantisce assistenza militare a qualsiasi paese membro attaccato. Sono gli eserciti nazionali di ogni stato richiamabile al comando del comandante supremo, sempre americano.Gli Stati Uniti godono di grande prestigio e di notevoli mezzi finanziari; le basi dove sono di stanza i soldati americani sono installate in ogni paese membro. Questo "apparato politico-militare atlantico americano", creato negli anni Cinquanta, è un vero e proprio "ombrello" nucleare destinato a proteggere l'Europa dall'URSS. Tuttavia, poiché quest'ultima si dota anche della bomba atomica, la paura dell'escalation diminuisce e la strategia protettiva degli Stati Uniti evolve in una risposta più graduale. Tra un lontano alleato americano (ma con una tendenza egemonica sul mondo) e un vicino sovietico da blandire, il generale de Gaulle voleva che la Francia riacquistasse una certa capacità d'azione e non rischiasse di vedere il suo esercito mandato lontano a difendere gli interessi americani. Al suo ritorno al potere nel 1958, ha criticato il governo della NATO, dominato unilateralmente dagli Stati Uniti, e ha proposto una "leadership tripartita". Le sue richieste ebbero successo e, in forza dell'acquisizione della bomba atomica, il generale de Gaulle lasciò il comando militare integrato della NATO nel 1966. I soldati americani lasciarono la Francia l'anno successivo e il quartier generale della NATO venne trasferito in Belgio. Con la caduta del blocco dell'Est nel 1991, la NATO non aveva più la sua originaria ragion d'essere ma fu rafforzata sia dai paesi europei, che beneficiavano così di una difesa militare esternalizzata, sia dagli Stati Uniti. La NATO è anche uno strumento importante per forzare la vendita di armi americane ai paesi membri ancora oggi presenti. La CECA Nel 1945 l'Europa emerse traumatizzata dal sanguinoso conflitto che distrusse il continente. Si è poi affermata e sviluppata nello spazio politico una tendenza a dire che solo un'unione tra i Paesi dell'Europa consentirà al continente di tornare a contare economicamente sulla scena internazionale. Volendo promuovere l'unificazione del continente, vari movimenti di opinione filo-europei, come il Movimento europeo, si incontrarono all'Aia dal 7 al 10 maggio 1948 alla presenza di personalità politiche e sotto la presidenza onoraria di Winston Churchill. Nel 1946, l'ex primo ministro britannico invitò gli europei a ricostruirsi per porre fine alla guerra e si espresse a favore di un'unione militare, ma senza volere che il suo stesso paese ne facesse parte. Il 9 maggio 1950, Robert Schuman, ministro degli Esteri francese, fece una solenne dichiarazione nella sala dell'orologio del Quai d'Orsay a Parigi. Dichiaró: "L'Europa non si costruirà tutta in una volta, né in una costruzione complessiva: si costruirà attraverso realizzazioni concrete creando anzitutto solidarietà di fatto". Propone di porre sotto un'Alta Autorità comune la produzione e il mercato del carbone e dell'acciaio tra la Francia e la Repubblica federale di Germania, in un'organizzazione aperta alla partecipazione di altri paesi europei. Lussemburgo, Italia, Paesi Bassi e Belgio rispondono favorevolmente. La gestione comunitaria dell'industria pesante, allora settore chiave dell'economia e base dell'industria degli armamenti, deve rendere impossibile la guerra tra i paesi dell'Europa occidentale. Il "Piano Schuman" pone le basi per la CECA (Comunità Europea del Carbone e dell'Acciaio). Il mercato comune del carbone è in vigore dal 10 febbraio 1953, quello dell'acciaio il 1° maggio dello stesso anno. Uno degli uomini importanti della costruzione europea è francese, anche più comunemente chiamato "uno dei padri fondatori" dell'Europa insieme a Robert Schuman, Alcide de Gasperi e Konrad Adenauer. Questo è Jean Monnet. Ha svolto un ruolo fondamentale nel gettare le basi per l'Europa che conosciamo oggi. Uomo molto influente e vicino agli Stati Uniti, Jean Monnet ricoprì in particolare incarichi importanti. Nel 1926 divenne vicepresidente della banca americana Blair and Co., legata alla Chase Manhattan Bank e alla famiglia Rockefeller. Ricopre anche la carica di vicepresidente di Bancamerica-Blair Corporation e Holding Transamerica Corporation, consentendo di fungere da tramite tra i finanzieri americani e francesi. Dopo essere tornato dalla Cina, ha lanciato la sua banca, Monnet, Murnane and Co., poi Monnet & Murnane Limited, con sede a Hong Kong. Quando è commissario del Piano lavora segretamente al progetto di messa in comune del carbone e dell'acciaio ed è l'ideatore del Piano Schuman. Crede che la messa in comune delle risorse statali in alcuni settori chiave dell'economia potrebbe un giorno portare alla creazione degli Stati Uniti d'Europa. I riferimenti agli Stati Uniti permeano la politica di costruzione europea.Nel 1953, un caro amico di Jean Monnet, Paul-Henri Spaak (politico belga e presidente del comitato di esperti chiamato comitato Spaak, incaricato di formulare proposte sulla perseguimento dell'integrazione europea) non mancò di fare riferimento al discorso di George Washington che presentò la Costituzione americana al Congresso nel 1787, quando il progetto di Comunità politica europea (EPC) fu consegnato ai sei ministri degli esteri della CECA. Paul-Henri Spaak era anche un membro del Movimento Europeo (ME) così come Winston Churchill, Konrad Adenauer, Robert Schuman, Jean Monnet e Alcide de Gasperi. Questo movimento è stato finanziato in particolare dall'American Committee on United Europe (ACUE), un'organizzazione privata finanziata in particolare dalla Ford Foundation che ha sostenuto il progetto di un'Europa unificata. Jean Monnet indica nelle sue memorie pubblicate nel 1976, che Robert Bowie, professore di diritto ad Harvard e specialista in leggi antitrust americane, aveva redatto nel 1951 la parte del trattato CECA che proibiva l'abuso di posizione dominante, i cartelli e aiuti di Stato che distorcono la concorrenza; regole che verranno poi identicamente ripetute nel Trattato di Roma del 1957. Il generale de Gaulle e l'ostilità di un'Europa federale Sotto l'influenza di Jean Monnet, il generale de Gaulle deciderà di costruire un'Europa unita per garantire la futura pace del continente. Il generale era però contrario all'istituzione della CECA, nonché alla Comunità europea di difesa (CED), avviata dalla Francia per impedire il riarmo della Repubblica federale di Germania - timore espresso dagli Stati Uniti. . Tale richiesta coincide con l'entrata in guerra delle truppe nordcoreane in Corea del Sud il 25 giugno 1950. Gli Stati Uniti e gli stati dell'Europa occidentale sono infatti preoccupati per la possibilità che venga lanciata un'operazione simile da parte dell'URSS nella Repubblica Federale di Germania. Il CED prevede piuttosto la costituzione di un esercito europeo che permetta di integrare le future unità tedesche in un'unità posta sotto un'unica autorità europea, militare e politica, ma questo progetto suscita molta ostilità in Francia. Con l'appoggio dei comunisti, i gollisti respinsero il progetto con una votazione all'Assemblea nazionale nell'agosto 1954. Il generale de Gaulle spinse per la costruzione di un'Europa confederale con un numero limitato di paesi (6 membri fondatori), quella di un'Europa di nazioni, che vi manterrebbero la loro sovranità. La sua visione è quella di mettere in comune determinate abilità rimanendo indipendenti altrove. Il generale non è nemmeno favorevole ai Trattati di Roma, in particolare all'istituzione della CEE, che ancora non corrispondono alla sua visione dell'Europa. Possiamo paragonare un'Europa sotto l'influenza americana fin dalla sua creazione, con il fallimento del piano Calcul, pochi anni dopo, che mette in prospettiva il confronto tra le basi di una Francia sovrana e un'Europa sovrana difesa dal generale de Gaulle, e persone influenti che cercano soprattutto di difendere interessi privati. Il piano Calcul è un piano del governo francese lanciato nel 1966 dal generale de Gaulle sotto la guida di Michel Debré, ministro dell'Economia e delle Finanze e destinato a garantire l'indipendenza del paese nel campo dei computer mainframe. Il lancio di questo piano è dovuto in particolare a due ragioni principali: L'acquisizione della società francese Bull da parte dell'americana General Electric nel 1964. Questa acquisizione è stata vista come una sconfitta economica dal governo gollista, nel momento in cui si cominciava a percepire l'informatica e le telecomunicazioni come settori strategici, il “sistema nervoso” delle nazioni moderne, • Il generale de Gaulle non accettò che gli Stati Uniti rifiutassero alla CEA (Commissariat à l'Energie Atomique) nel 1962 la vendita di un grande computer per i calcoli legato alla bomba atomica francese, ma si rese conto anche della dipendenza tecnologica della Francia. Per dare seguito al lancio del piano, nacque la CII (Compagnie internationale for IT), risultante dalla fusione di piccole aziende tra cui Thomson (ora Technicolor), e dalla creazione di un istituto di ricerca, IRIA (ora INRIA), l'Institut de Research in Computer Science and Automation. Tuttavia, gli obiettivi divergenti degli azionisti, desiderosi di promuovere gli interessi industriali privati, e la mancanza di volontà economica e politica, non consentono al progetto di avere successo. Lo stesso vale per il Computing plan (progetto UNIDATA) che aveva un'ambizione europea attraverso un accordo di cooperazione industriale tra CII, Siemens e Philips. Fu definitivamente abbandonato unilateralmente da Valéry Giscard d'Estaing nel 1974. I tedeschi allora si considerarono traditi dal loro partner francese e questo è forse uno dei motivi che spiegherebbero perché l'industria digitale europea stenta ancora ad esistere. Cee, nuovo slancio per il progetto di costruzione europea Dopo il fallimento della CED, i 6 Stati fondatori si stanno muovendo verso la costruzione europea intorno agli affari economici. Il progetto è ancora sostenuto da europeisti come Jean Monnet e PaulHenri Spaak. Questo ha dato vita alla Comunità Economica Europea (CEE) nel 1957. L'obiettivo principale è quello di stabilire un mercato comune. Anche altri obiettivi sono sanciti dai Trattati di Roma, come la libera circolazione delle persone e dei capitali e la creazione di una politica dei trasporti. Ma fu solo con l'Atto unico del 1986 che videro la luce. Anche il Trattato Euratom, avviato da Jean Monnet, sarà firmato a Roma nel 1957. Questa organizzazione di cooperazione nucleare mira a contribuire all'indipendenza energetica dell'Europa. La CEE diventerà l'Unione europea (UE) a seguito del trattato di Maastricht nel 1992. Struttura l'Unione europea intorno a tre pilastri: le Comunità europee, la politica estera e di sicurezza comune e la cooperazione giudiziaria e di polizia in materia penale. Come analizzato da Philip Gordon e Jeremy Shapiro per la Brookings Institution, la visione e l'influenza americane evolvono con gli interessi degli Stati Uniti. Negli anni Cinquanta e Sessanta furono profondamente coinvolti nella Costituzione europea, ma la crisi irachena e il rapido deterioramento delle relazioni transatlantiche sconvolsero questo approccio. All'inizio degli anni 2000, gli Stati Uniti hanno abbandonato l'Europa e la sua Costituzione. La retorica ufficiale statunitense e la sua influenza tendono ora a concentrarsi sull'allargamento, sulle relazioni commerciali o sulla cooperazione nella lotta al terrorismo. Guerre in Indocina e Algeria: gli Stati Uniti, i poliziotti del mondo Nel 1945, gli Stati Uniti appoggiarono la resistenza di Ho Chi Minh (sebbene comunista) contro i giapponesi in Indocina. Quando un corpo di spedizione francese decise di reinvestire il paese nel 1946, scoppiò una guerriglia senza che gli Stati Uniti si schierassero realmente. Il conflitto si è intensificato in seguito alla rivoluzione di Mao in Cina, all'inizio della guerra di Corea e al riconoscimento del governo di Ho Chi Minh da parte di russi e cinesi. Questo contesto spinge gli americani a sostenere la Francia (politica di contenimento del comunismo e paura di un effetto domino in Asia). Negli Stati Uniti del dopoguerra è forte anche la tendenza al neoisolazionismo e il futuro presidente Eisenhower, che ha appena costituito la NATO, ha bisogno di ridurre le spese militari, soprattutto in Europa, per convincere il suo elettorato (“il Gli Stati Uniti non possono intervenire ovunque”). Gli Stati Uniti stavano cercando in quel momento di raddrizzare militarmente la Germania per unire le forze europee contro i sovietici e ridurre così la loro presenza militare, ma la Francia si oppose. Infine, gli Stati Uniti si affermeranno soprattutto come poliziotti del mondo, unica potenza occidentale pronta ad intervenire indirettamente (Indocina) o direttamente (Corea). Tuttavia, gli obiettivi francesi in Indocina non sono chiari e i due eserciti alleati lavorano male insieme (soprattutto i loro servizi segreti), portando gradualmente a una perdita di fiducia tra gli americani (stanchi di pagare senza vedere alcun risultato) e infine alla sconfitta francese del 1954. La Francia subirà a lungo le conseguenze di questa politica imprecisa (rifiuto degli Stati Uniti di fornire la bomba atomica, per esempio). È importante notare che gli Stati Uniti non firmano gli accordi di Ginevra tra la Francia e Ho Chi Minh, che portano alla guerra del Vietnam. In Algeria, scossa dai conflitti di indipendenza del 1954, gli Stati Uniti svolgeranno anche il ruolo di arbitro .Il FLN (Fronte di liberazione nazionale) algerino cercherà di negoziare direttamente con gli Stati Uniti (con risultati alterni) che sono visti come l'unico potere che può risolvere il conflitto. Mentre la Francia nella Quarta Repubblica non ha mai perso ufficialmente il sostegno americano, nondimeno sarebbe diminuito man mano che il conflitto si impantanava e si intensificava nella violenza. Gli Stati Uniti all'epoca cercarono di contrastare l'influenza comunista in Medio Oriente e il loro aiuto materiale alla Francia ne offuscò la reputazione. Il coinvolgimento, seppur lontano, della Cina nella promessa di armare gli algerini fa anche precipitare la necessità per gli americani di porre fine al conflitto. Non dimentichiamo inoltre le riserve petrolifere scoperte nel Sahara. Gli Stati Uniti faranno quindi pressioni sulla Francia: con discrezione, facendo leva in particolare sul Piano Marshall; meno sottilmente attraverso l'anticolonialismo del New York Times. Accoglieranno con favore anche il ritorno del generale de Gaulle alla guida del paese il cui realismo sulla guerra in corso è necessario per preservare i loro interessi . La formazione del sistema finanziario .Il dollaro come gold standard - 1944 Nel luglio 1944, la firma degli Accordi di Bretton-Woods da parte di 44 paesi avviava le grandi linee di un nuovo sistema finanziario internazionale volto a ripristinare gli scambi tra Stati finanziariamente sovrani ed evitare la destabilizzazione delle bilance dei pagamenti da parte di movimenti finanziari incontrollati. Il dollaro diventa l'unica valuta convertibile in oro e il riferimento internazionale (Gold Exchange Standard). Vengono inoltre creati il ??Fondo monetario internazionale (FMI), che controlla i tassi di cambio di ciascun paese rispetto al dollaro, e la Banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo (IBRD ora Banca mondiale). Si instaura così il multilateralismo monetario e finanziario, guidato dal dollaro americano e dalle organizzazioni monetarie dove gli Stati Uniti hanno de facto diritto di veto. Dal 1958 la Francia era riluttante verso questo sistema monetario che poneva l'Europa sotto il dominio economico degli Stati Uniti.Dagli anni '60, la Francia non voleva più che gli Stati Uniti continuassero a finanziare in questo modo il proprio disavanzo con l'estero. La Francia convertirà quindi i suoi dollari in lingotti.Contribuisce così alla pressione sulle riserve auree americane che rafforza la perdita di fiducia nel valore del dollaro, già indebolita dal contesto economico e di bilancio americano (finanziamento della guerra del Vietnam e degli investimenti, deficit della bilancia commerciale, rigonfiamento del massa di dollari in circolazione). Fine del sistema Bretton-Wood e avvento del petrodollaro Il governo Nixon nel 1971 prese la decisione unilaterale di porre fine alla convertibilità del dollaro in oro al fine di "proteggere la posizione del dollaro americano come pilastro della stabilità monetaria mentre intorno il mondo .Il Gold Exchange standard e il principio dei tassi di cambio fissi non sono più validi e vengono sostituiti da un sistema di tassi di cambio fluttuanti. Tuttavia, l'egemonia del dollaro continua. La firma nel 1974 di un accordo tra Stati Uniti e Arabia Saudita sancisce il dollaro come unica valuta autorizzata al commercio del petrolio estratto dall'Arabia Saudita. Questo accordo consente agli Stati Uniti di impedire l'uso del petrolio greggio come arma economica contro di esso e di finanziare il proprio debito.Questo accordo stabilisce de facto il dollaro come valuta egemonica per il commercio del petrolio e delle principali materie prime. La fine della convertibilità del dollaro in oro porterà l'Europa, sotto l'impulso della coppia franco-tedesca, a dotarsi di un sistema monetario europeo (SME) per non esporre più le valute europee alla volatilità del dollaro Un'economia europea incruenta nel 1945 Uscendo dalla seconda guerra mondiale, ci si immagina un'Europa devastata, senza un apparato produttivo, con un'economia incruenta. L'Europa occidentale, invece, sta uscendo dalla guerra con un apparato produttivo più grande rispetto al 1936, infrastrutture energetiche quasi intatte nonché una popolazione più numerosa grazie alla ripresa demografica e alle massicce migrazioni del dopoguerra. L'Europa dell'Est è devastata, la maggior parte dei combattimenti si è svolta tra Berlino e Stalingrado (per un soldato americano ucciso, l'URSS perde 60 e 40 milioni di europei dell'Est vengono uccisi; decine di milioni di persone vanno in esilio o vengono deportate). L'impatto di questa distruzione e di questo calo demografico sull'economia dell'Europa orientale è sproporzionato rispetto all'impatto della guerra sull'Europa occidentale L'Europa occidentale è tuttavia completamente superata dalla nuova grande potenza americana. La sua industria, i suoi cartelli e il suo funzionamento economico sono obsoleti. La sua dipendenza dal dollaro è estrema. Fu in questo contesto che, alla fine della guerra, la maggior parte dei paesi europei avviò un vasto processo di ricostruzione, ma soprattutto di modernizzazione. Alcuni autori parlano dell'americanizzazione delle società europee .L'Europa, infatti, è in ritardo nel modo di pensare l'economia, nei suoi processi, nel suo sistema manageriale, e così via. Le aziende europee sono più piccole, meno produttive e ancora abituate a operare nei cartelli. È ovviamente il modello americano che viene copiato e importato dalle élite istruite o da quelle con forti legami con gli Stati Uniti. Jean Monnet, che ha vissuto e lavorato negli Stati Uniti, è il principale promotore in Francia. Il Piano Marshall, un aiuto americano a due vie che gli Stati Uniti sosterranno e sosterranno questa tendenza È attraverso l'emblematico Piano Marshall, che è fondamentalmente moderno. Il comunismo deve essere contrastato con tutti i mezzi ed è impensabile permettere che la miseria fiorisca nei paesi europei. L'URSS deve essere contrastata con un'economia europea moderna e forte. Il 20 settembre 1947, il Piano Marshall, il cui nome ufficiale è "Programma europeo di ripresa", è stato firmato da 16 paesi. Per ogni paese europeo, devi scegliere da che parte stare. Prendi aiuto e schierati con la parte americana, o rifiutalo e schierati con la parte sovietica. Per molti, la Guerra Fredda iniziò il 20 settembre 1947. Tuttavia, gli aiuti americani non furono disinteressati. La sua economia è in eccedenza a causa dello sforzo bellico e ha bisogno di sbocchi. Dobbiamo continuare a riaffermare il primato del dollaro, pur contenendo la minaccia sovietica. Il Piano Marshall è quindi parte del grande piano americano per plasmare l'economia a suo favore. Quindi gli aiuti sono dati in dollari e non in moneta nazionale. L'aiuto viene fornito con la condizione di importare una quantità equivalente di merci americane! In quattro anni gli Stati Uniti stanno prestando all'Europa 16,5 miliardi di dollari (l'equivalente di 173 miliardi di dollari nel 2020). L'avvento di un modello economico omogeneo, plasmato dagli Stati Uniti L'Europa ha poi attraversato gli anni del boom del dopoguerra, navigando sul nuovo modello economico esportato dagli Stati Uniti. I paesi occidentali stanno entrando nella produzione e nel consumo di massa. Le aziende crescono e non sono più a conduzione familiare, si avvalgono di società di consulenza e hanno manager professionisti... all'americana. I cartelli vengono gradualmente banditi in Europa, questa è l'era del "libero mercato". Le basi dell'attuale economia mondiale, organizzata su modello americano, sono poste con il Piano Marshall. L'Organizzazione per la cooperazione economica europea (OECE), con sede a Parigi, è responsabile della distribuzione degli aiuti americani. Nel 1961 ha cambiato nome in Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, o più comunemente OCSE. Dal GATT (1947) all'OMC (1994), l'instaurazione del libero scambio asimmetrico L'Accordo generale sulle tariffe doganali e sul commercio (GATT), concluso nel 1947 tra 23 paesi firmatari, ha plasmato l'ambiente economico e commerciale mondiale dopo la guerra. Questi accordi multilaterali, inizialmente destinati a promuovere il commercio secondo i principi liberali emanati dagli Stati Uniti, si sono rivelati nel tempo in qualche modo un cavallo di Troia degli americani nei confronti dei loro partner commerciali, primi fra tutti i paesi europei . La Francia è particolarmente preoccupata per i settori dell'agricoltura , dell'aeronautica e della cultura. Il GATT doveva sostituire provvisoriamente l'assenza di un'istituzione delle Nazioni Unite in seguito al fallimento dell'Organizzazione internazionale del commercio .Come componente commerciale degli accordi di Bretton Woods e del Piano Marshall, è stato in larga misura modellato dagli Stati Uniti: dazi doganali per facilitare le importazioni di prodotti americani in un'Europa in ricostruzione, che non può esportare i propri prodotti in cambio (poca produzione dovuta alla distruzione dell'apparato industriale durante la seconda guerra mondiale e forte domanda finanziata dagli aiuti Marshall); § Creazione di "eccezioni di sicurezza" a tutela degli interessi essenziali della sovranità statunitense (Articolo XXI del GATT); § Esclusione dagli accordi GATT delle emissioni monetarie, nonostante la fine della parità aurea, lasciando la possibilità di utilizzare il dollaro come arma commerciale o politica. Tali eccezioni saranno regolarmente utilizzate dagli Stati Uniti per limitare gli effetti degli accordi GATT alle questioni commerciali. Le leggi extraterritoriali americane, secondo questo principio, non contravvengono al GATT perché garanti della sovranità americana e dell'interesse nazionale, ma rientrano in realtà nell'ambito politico e non in quello commerciale .Gli Stati Uniti, pur propugnando il multilateralismo e la liberalizzazione degli scambi , non hanno mai cessato di eludere le norme del GATT quando i loro interessi erano minacciati, in particolare da embarghi e sistemi di barriere commerciali che anch'essi condannano .A differenza del GATT, che ha rilevato nel 1994, l'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) è un'organizzazione internazionale a tutti gli effetti i cui membri aderiscono a una serie di norme comuni (rispetto alla scelta à la carte per il GATT) .Essa sostiene l'obiettivo di ridurre gli ostacoli al libero scambio e istituisce un organo di ricorso per trattare i casi di controversie tra paesi in relazione alle sue regole. L'allargamento a 160 paesi, che rappresentano il 95% del commercio mondiale, ha portato a un riequilibrio degli equilibri di potere all'interno dell'organizzazione ma allo stesso tempo ha dato luogo a sistemi di coalizione di blocco. Questo sviluppo, a scapito degli americani, ha portato gli Stati Uniti a scavalcare l'OMC attraverso la proliferazione di accordi regionali e bilaterali. Plasmare il modo di pensare Il dollaro si sta affermando come moneta di riferimento al servizio di un'economia che si modernizza ad alta velocità, richiedendo che, a fronte della produzione di massa, avvenga il consumo di massa. Per questo dobbiamo fare in modo che il mondo adotti l'"American Way of Life", in opposizione al modello comunista, qualunque sia il mezzo. Propaganda, un sistema di stato, pensato e deliberato La propaganda è uno strumento che gli stati hanno perfettamente padroneggiato dalla prima guerra mondiale. Usata massicciamente durante le due guerre, la propaganda continuerà in tempo di pace e si troverà al centro della promozione del modello americano, propagandato come superiore. Durante la guerra, la propaganda è una delle armi principali degli americani. È usato sia internamente per modellare le menti americane che esternamente per convincere l'amico o denigrare il nemico. L'Office of War Information (OWI) è stato istituito nel giugno 1942 per sostenere lo sforzo bellico attraverso l'informazione. OWI trasmette e finanzia contenuti su tutti i media dell'epoca: trasmissioni radiofoniche, manifesti, fotografie, giornali e persino film. Ma non solo. L'OWI non è timido nel vietare i film o nel far rielaborare gli script secondo necessità. Fin dal suo inizio. , OWI ha diverse sedi all'estero. Sempre nel 1942 venne creato l'Office of Strategic Services (OSS), incaricato delle missioni di intelligence ma anche di informazione, capostipite della CIA. L'OSS sarà in particolare responsabile della creazione e della trasmissione di The Voice of America, un programma radiofonico ampiamente diffuso in tutto il mondo per promuovere il modello americano contro il modello comunista. Alla fine della guerra, l'OWI e l'OSS scompaiono ufficialmente e vengono assorbiti da altre amministrazioni statunitensi, ma la maggior parte delle loro operazioni internazionali continua. Nel 1948, lo Smith-Mundt Act bandì la propaganda per scopi interni, ma sancì che le operazioni ideologiche o informative erano una parte fondamentale della politica estera americana, specialmente di fronte alla minaccia comunista. Nel 1953 fu creata l'Agenzia per l'Informazione degli Stati Uniti (USIA) e sarà il fulcro della propaganda.Come i suoi predecessori, l'USIA utilizza tutti i canali disponibili per promuovere i suoi ideali, inclusi 14 giornali e la produzione di 90 film all'anno. L'USIA utilizza anche un nuovo canale: la fiera. Centinaia saranno organizzate in tutto il mondo per promuovere l'arte, la cultura, l'American Way of Life ma anche i prodotti americani per l'esportazione… Le borse Fulbright, sono gestite anche dall'USIA Gli accordi Blum-Byrnes (1946) : le sfide del cinema La Francia esce dalla guerra molto dipendente finanziariamente dagli Stati Uniti, ha bisogno di finanziamenti e aiuti per la modernizzazione. Al contrario, l'industria cinematografica francese gode di una salute relativamente buona perché sotto l'occupazione sono state vietate le importazioni di film dai paesi non dell'Asse. Sotto la guida di Jean Monnet, poi Léon Blum, il 28 maggio 1946 fu firmato l'Accordo Blum-Byrnes (prima del Piano Marshall). Quest'ultimo ha cancellato 2,8 miliardi di debito francese verso gli Stati Uniti, debito contratto durante la prima guerra mondiale e nel 1939-40. A questo si aggiunge un prestito di 650 milioni di dollari a tassi agevolati.La principale contropartita di questo accordo è l'abbandono della quota di film americani che possono essere proiettati in Francia, e la limitazione a 4 su 13 settimane di esclusiva riservata ai francesi . La conseguenza è che dalla prima metà del 1947 furono trasmessi 340 film americani contro solo 40 francesi. Grazie al cinema, nulla impedisce più al potere di Hollywood di plasmare le menti francesi secondo lo stile di vita americano e alla propaganda filoamericana e anticomunista di prendere slancio in Francia. Il Piano Marshall, un'operazione di propaganda? La formazione dell'immaginario americano a volte prende anche strade più inaspettate. David Ellwood parla del Piano Marshall in questi termini: “La più grande operazione di propaganda internazionale mai vista in tempo di pace” .Infatti, il piano è accompagnato in ogni Paese da un budget di comunicazione. Dobbiamo vendere il Piano Marshall: è grazie ad esso che l'Europa si riprenderà, è il nuovo cemento dell'Europa La rivista francese Réalités, fondata nel 1946, è in parte finanziata dal Piano Marshall . Dopo la guerra e in un contesto di anticomunismo, anche se spesso non dice chiaramente il suo nome, è propaganda americana a tutto campo che si riversa sul mondo e sull'Europa. Young Leader Program, fuga di cervelli… Identificare e influenzare le élite Gli Stati Uniti sono apertamente interessati alle élite dei paesi alleati con la fondazione Young Leaders, creata nel 1981, che ogni anno mescola una dozzina di giovani promettenti con le élite americane della stessa fascia di età. Citiamo José Manuel Barroso, Mario Draghi, Nicolas Sarkozy, Nicolas Dupont Aignan, François Hollande… Con il pretesto delle relazioni franco-americane e della creazione di reti, i valori americani vengono distillati ai futuri leader europei . Questo sistema non è nuovo. Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno agito attraverso le loro Ambasciate o tramite programmi governativi per identificare i potenziali leader di domani (borsa di studio Fulbright nel 1946, International Visitors Leadership nel 1952, programma Young Ambassadors nel 2008). Dopo l'11 settembre e le rivolte del 2005, i programmi sono stati estesi a nuovi obiettivi: giovani dei quartieri, associazioni, aree rurali abbandonate, comunità LGBT, rifugiati... Questa strategia di "soft power" ha un duplice scopo: nutrire l'immagine degli Stati Uniti e costruire una rete di influenza. La Francia finanzia in parte questi programmi e vi sta investendo sempre di più nel tentativo di renderli veramente vantaggiosi per tutti. Durante la Guerra Fredda, la CIA ha anche finanziato reti di intellettuali filoamericani, di sinistra e di destra, riattivati ??sotto l'amministrazione Bush e potenzialmente ancora in vita.Gli Stati Uniti dominano la sfera accademica attraverso il controllo di riviste scientifiche e le loro università sono in cima al mondo delle classifiche. Ciò consente agli Stati Uniti di esportare il loro modello (LMD, Business School) e di imporre nuovi concetti educativi, plasmando il pensiero dei paesi influenzati. Gli Stati Uniti sanno mettere le risorse per attrarre accademici stranieri: alti stipendi, assistenti, benefici familiari, "Sogno americano"... L'egemonia americana attraverso la ricerca e l'innovazione è alla base del loro potere, in particolare attraverso le partnership legate attraverso le ambasciate. Se le élite accademiche sono inesorabilmente attratte dagli Stati Uniti anche i leader aziendali sono stati acculturati dal Piano Marshall tramite "missioni di produttività" e, a seguito di loro, dirigenti di business school americanizzate. Un modo sottile per distillare la supremazia del modello americano a tutti i livelli di responsabilità. Dalla fine della seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti hanno immediatamente posto le basi della loro capacità di mantenere il dominio globale sia politicamente che economicamente. Il potere acquisito alla fine della guerra deve essere preservato indipendentemente dai mezzi utilizzati. L'extraterritorialità, lo spionaggio e la propaganda di cui sopra sono tra i più importanti vettori offensivi utilizzati in quel momento per stabilire la propria superiorità, prima politica, poi economica. L'extraterritorialità del diritto americano: da misura di emergenza a strumenti di azione strategica Dopo l'ingresso nel conflitto mondiale il 6 aprile 1917, il governo americano si impegnò in una guerra commerciale ed economica. A tal fine, nell'ottobre 1917 fu adottato dal Congresso americano il Trading With the Enemy Act (TWEA) con la prospettiva di indebolire l'economia dei suoi avversari con misure dirette contro i loro cittadini Lascia al governo un ampio margine di manovra regolamentare l'attività commerciale ed economica con decreti (principalmente Ordini Esecutivi del Presidente). La TWEA segue nella sua logica le grandi linee adottate nel 1916 dall'Intesa - Regno Unito e Francia in testa - durante la "Conferenza economica interalleata" di Parigi, comprese in particolare le pratiche (1) di attribuzione della nazionalità alle persone giuridiche , come le imprese; (2) istituire “liste nere” nelle quali compaiono i soggetti interessati (da qui anche il termine Blacklisting); e (3) sottoporre i propri cittadini all'obbligo di rispettare la TWEA, ovunque si trovino. È importante notare, tuttavia, che l'effetto extraterritoriale della TWEA ha colpito i cittadini statunitensi al di fuori degli Stati Uniti, il che è diverso dall'attuale pratica di applicazione extraterritoriale a entità e cittadini di altre nazioni. Tuttavia, la TWEA è davvero l'inizio dell'extraterritorialità del diritto americano; rimane in vigore anche se la legge sui poteri economici cali in caso di emergenza internazionale (International Emergency Economic Powers Act, IEEPA) Insomma era una misura di "emergenza" utilizzata regolarmente da vari presidenti americani fino agli anni '70 per bloccare transazioni finanziarie, sequestrare bilanci. da fondi esteri, limitando le esportazioni, tassando le importazioni, limitando gli investimenti esteri negli Stati Uniti, ecc. L'applicazione extraterritoriale del diritto americano consente di colpire obiettivi secondari su basi contestate (uso del dollaro, collocamento di una transazione sul suolo americano, ecc.). Si tratta sia di sanzionare gli Stati canaglia, ma anche di qualsiasi azienda che desideri ancora commerciare con loro (ad esempio l'Iran). Questo ricorso alla legge si mescola, a partire dal Patriot Act del 2003, con l'intelligence schierata per combattere il terrorismo come testimoniano le rivelazioni di Edward Snowden nel 2013. Recuperando informazioni riservate, la NSA trasmette al Dipartimento di Giustizia (Dipartimento di Justice, DoJ) abbastanza da attaccare obiettivi economici o persino imporre la supervisione della conformità. Il 5 marzo 1946, su iniziativa degli Stati Uniti, i Five Eyes firmarono insieme segretamente l'accordo di intelligence sulle comunicazioni tra Regno Unito e Stati Uniti, spesso chiamato "trattato Regno Unito-Stati Uniti" e sarà affiancata in misura minore da una decina di Paesi partecipanti al sistema in linea con la loro alleanza strategica globale con gli Stati Uniti. Austria, Norvegia, Danimarca, Germania, Italia, Grecia, Turchia, Thailandia, Norvegia, Corea del Sud (storici alleati degli Stati Uniti), ospitano stazioni di intercettazione, hanno parabole di tipo Echelon o lavorano a stretto contatto con i servizi americani. Questo trattato segna l'emergere di una vasta rete di intelligence di origine elettromagnetica (ROEM o SIGINT in inglese) che copre l'intero pianeta grazie ai Five Eyes, chiamata rete Echelon. Nonostante le voci che circolano da tempo al riguardo, è soprattutto con la copertura mediatica del sistema Echelon alla fine degli anni '90 che la sua esistenza è stata portata alla luce ed esposta all'opinione pubblica. Per sua natura e per il suo uso, questa rete americana consente agli Stati Uniti,a scapito dei suoi avversari, di mantenere un vantaggio competitivo e informativo, la chiave del suo potere. Al momento della costituzione di questa rete, le intenzioni americane erano principalmente strategiche e miravano a fermare l'estensione della zona di influenza sovietica oltre i suoi limiti raggiunti nel marzo 1947 e a contrastare gli Stati che avrebbero adottato il comunismo fino alla fine dell'URSS in conformità con la loro strategia nota come “Contenimento”. Con la caduta del muro di Berlino, avverrà un vero cambiamento nella costituzione dell'intelligence di interesse cosiddetto “strategico” per passare all'intelligence economica. Per affrontare un nuovo tipo di guerra, la riorganizzazione delle attività di intelligence nel contesto della Guerra economica diventa la priorità sotto la presidenza di Bill Clinton.

 
Ricerca
      
dal    al